Pisa: Centrale nucleare in una stanza

Centrale nucleare in una stanza a Pisa. Politici e scienziati ripetono che la ricerca nucleare in Italia non si deve fermare.

E neanche a farlo apposta subito arriva una testimonianza: il 4 luglio a Pisa è stata inaugurata una nuova struttura per simulare il funzionamento di un’intera centrale nucleare.

Si chiama Nutema, che sta per “Nuclear Power Plant Technology Knowledge Management System“, o anche, più semplicemente, per “Nuclear Technology Master“.

Progettata dal Gruppo di ricerca nucleare San Piero a Grado (GRNSPG), Nutema è stata pensata per riprodurre la vita di una centrale nucleare, con particolare attenzione ai temi della sicurezza: «Tramite l’impostazione di parametri precisi, è possibile simulare un incidente di qualsiasi natura – terremoti compresi – e capire come intervenire nei casi di crisi. La particolarità di Nutema è che è in grado di visualizzare il rilascio di radioattività e individuare le misure necessarie per minimizzare le fuoriuscite, sviluppando procedure di gestione dell’incidente in tutta sicurezza», ha spiegato Francesco D’Auria, direttore del GRNSPG.

Nutema - Centrale nucleare in una stanza a Pisa
Nutema – Centrale nucleare in una stanza a Pisa

Nutema è dotata fra le altre cose di uno schermo gigante, 50 schermi individuali, 16 computer e 6 touch screen. In tutto riproduce circa 300.000 componenti di una centrale vera.




Il reattore di riferimento su cui è stata modellata Nutema è il secondo della centrale argentina di Atucha, che entrerà in funzione nel 2012: il progetto è stato sviluppato infatti dal GRNSPG in collaborazione con l’Agenzia Nucleoelectrica Argentina. La centrale di Atucha sarà dunque la prima a trarre vantaggio dall’esperienza di Nutema, ma non l’unica: «Anche se è stata costruita per la centrale argentina, il nostro obiettivo è rendere disponibile Nutema anche per altri siti», ha aggiunto D’Auria.

Pisa: Centrale nucleare in una stanza
Vota

Condividi

Correlati

Nuclear News

Nuclear News

Autore di Nuclear News. Appassionato di Internet e di divulgazione delle informazioni in rete, soprattutto quelle che riguardano l'ambiente in genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciandoci un commento accetti la nostra Privacy Policy.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!