Valutazione impatto ambientale

La valutazione impatto ambientale è la valutazione delle conseguenze ambientali positive e negative di un piano, una politica, un programma o progetti reali prima della decisione di andare avanti con l’azione proposta.

Valutazione impatto ambientale
Valutazione impatto ambientale

In questo contesto, il termine “Valutazione dell’impatto ambientale” viene solitamente utilizzato quando applicato a progetti reali da individui o aziende. Con il termine “Valutazione ambientale strategica” ci si riferisce a politiche, piani e programmi più spesso proposti da organi di stato. Le valutazioni ambientali possono essere disciplinate da regole di procedura amministrativa riguardante la partecipazione pubblica e la documentazione del processo decisionale, e può essere soggetta a controllo giurisdizionale.

Lo scopo della valutazione impatto ambientale

Lo scopo della valutazione impatto ambientale è di garantire che i responsabili delle decisioni prendano in considerazione gli impatti ambientali al momento di decidere se procedere o meno a un progetto. L’International Association for Impact Assessment definisce una valutazione di impatto ambientale come processo di identificazione, previsione, valutazione e mitigazione degli effetti biofisici, sociali e di altro tipo delle proposte di sviluppo prima che vengano adottate le principali decisioni e gli impegni presi.

Le valutazioni di impatto ambientale non richiedono il rispetto di un risultato ambientale predeterminato, ma piuttosto richiedono che i responsabili decisionali tengano conto dei valori ambientali nelle loro decisioni e per giustificare tali decisioni alla luce di studi ambientali dettagliati e commenti pubblici sui potenziali impatti ambientali. Le valutazioni di impatto ambientale sono iniziate negli anni sessanta, nell’ambito della crescente consapevolezza ambientale.

Queste valutazioni hanno contribuito a un processo decisionale più obiettivo. Negli Stati Uniti, le valutazioni di impatto ambientale hanno ottenuto lo status formale nel 1969, con l’emanazione della National Policy Policy Act. Il numero di valutazioni ambientali presentate ogni anno ha superato ampiamente il numero di dichiarazioni di impatto ambientale più rigorose. Una valutazione ambientale è progettata per fornire informazioni sufficienti per consentire all’agenzia di decidere se è necessaria la preparazione di una dichiarazione di impatto ambientale completa.

Sono disponibili metodi di valutazione generali e specifici del settore, tra cui:

  • Prodotti industriali: L’analisi del ciclo di vita ambientale del prodotto che viene utilizzata per identificare e misurare l’impatto dei prodotti industriali sull’ambiente. Vengono considerate le attività legate all’estrazione di materie prime, materiali ausiliari, attrezzature, produzione, uso, smaltimento e attrezzature ausiliarie.
  • Piante geneticamente modificate: I metodi specifici disponibili per eseguire le valutazioni di impatto ambientale sugli organismi geneticamente modificati.

I metodi necessitano di dati di misurazione per stimare i valori degli indicatori di impatto. Tuttavia, molti degli impatti ambientali non possono essere quantificati. Ad esempio, la qualità del paesaggio, la qualità dello stile di vita e l’accettazione sociale. Invece, vengono impiegate informazioni dal giudizio di esperti e dalle comunità.

Dichiarazione di valutazione impatto ambientale

Le minacce ambientali non rispettano i confini nazionali. L’inquinamento internazionale può avere effetti nocivi sull’atmosfera, gli oceani, i fiumi, le falde acquifere, i terreni agricoli, il clima e la biodiversità. Il cambiamento climatico globale è transnazionale. Le specifiche minacce di inquinamento includono piogge acide, contaminazione radioattiva, detriti nello spazio, deplezione dell’ozono stratosferico e fuoriuscite di petrolio tossico. Il disastro di Chernobyl, un incidente nucleare successo il 26 aprile 1986, è un duro promemoria degli effetti devastanti dell’inquinamento nucleare transfrontaliero.

La protezione dell’ambiente è intrinsecamente una questione transfrontaliera e ha portato alla creazione di una regolamentazione transnazionale attraverso trattati multilaterali e bilaterali. La Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente tenutasi a Stoccolma nel 1972 e la Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992 sono state importantissime per la creazione di circa 1.000 strumenti internazionali che includono almeno alcune disposizioni relative all’ambiente e alla sua protezione.

La Commissione economica delle Nazioni Unite per la Convenzione europea sulla valutazione dell’impatto ambientale in un contesto transfrontaliero è stata negoziata per fornire un quadro giuridico internazionale. Tuttavia, dal momento che non esiste una legislatura o un’amministrazione universale con un mandato globale, la maggior parte dei trattati internazionali esistono paralleli tra loro e sono ulteriormente sviluppati senza il beneficio di prendere in considerazione potenziali conflitti con altri accordi.

Tutela internazionale

C’è anche il problema della tutela internazionale. Ciò ha portato a doppioni e insuccessi, in parte a causa dell’incapacità di far rispettare gli accordi. Un esempio è l’incapacità di molti regimi internazionali di pesca di limitare le pratiche di raccolta. Lo sviluppo causa effetti sia diretti che indiretti. Il consumo di beni e servizi, la produzione, l’uso e lo smaltimento di materiali e macchinari per l’edilizia, l’uso ulteriore del suolo per le attività di produzione e servizi, l’estrazione e la raffinazione ecc. Hanno tutti un impatto sull’ambiente.

Gli effetti indiretti dello sviluppo possono essere molto più alti degli effetti diretti esaminati. Proposte come aeroporti o cantieri navali provocano effetti nazionali e internazionali di ampia portata. L’ampliamento dell’ambito di applicazione può giovare alla conservazione delle specie minacciate. Invece di concentrarsi sul sito del progetto, alcuni anno utilizzato un approccio basato sull’habitat incentrato su relazioni molto più ampie tra gli esseri umani e l’ambiente.




Di conseguenza, possono essere valutate alternative che riducono gli effetti negativi sulla popolazione di intere specie, piuttosto che su sottopopolazioni locali. Poca attenzione viene data all’identificazione sistematica e alla valutazione delle incertezze negli studi ambientali, che è critica in situazioni in cui l’incertezza non può essere facilmente ridotta facendo più ricerca. In linea con questo, si è concluso la necessità di considerare l’incertezza in tutte le fasi del processo decisionale.

In tal modo le decisioni possono essere prese con fiducia o nota incertezza. Queste proposte sono giustificate da dati che dimostrano che le valutazioni ambientali non riescono a prevedere con precisione gli impatti osservati.

Progettazione dell’impatto ambientale

Gli impatti sulla progettazione dell’impatto ambientale possono essere suddivisi in tre tipi: Impatti diretti, indiretti e cumulativi. Gli impatti diretti sono causati dal progetto e dal processo di costruzione, come il consumo di terra, l’erosione e la perdita di vegetazione. Gli impatti indiretti sono gli effetti collaterali di un progetto come il degrado della qualità delle acque superficiali dall’erosione dei terreni sradicati a seguito di un progetto. Nel tempo, gli impatti indiretti possono interessare aree geografiche più vaste.

Gli impatti cumulativi sono gli effetti sinergici come il deterioramento della regolazione dell’acqua e le capacità di filtraggio dei sistemi delle zone umide a causa della costruzione. La valutazione dell’impatto ambientale dovrebbe affrontare i problemi rivelati dalle valutazioni di impatto ambientale. Storicamente, nella costruzione, i bisogni del proprietario erano di primaria importanza, in quanto vincolati da leggi e politiche locali, come la sicurezza degli edifici e la zonizzazione(1).

Lo sviluppo a basso impatto e le pratiche di costruzione ecologicamente focalizzate hanno avuto origine in Germania dopo la seconda guerra mondiale. La distruzione diffusa e una grande popolazione di senzatetto hanno dato ai tedeschi la possibilità di rifocalizzare le pratiche di costruzione. La prefabbricazione è stata adottata nella Germania orientale e occidentale, dove negli anni ’50 e ’60 sono stati sviluppati sistemi di costruzione modulari per edifici residenziali.

Indicatori ambientali

Gli indicatori ambientali sono semplici misure che ci dicono cosa sta accadendo nell’ambiente. Poiché l’ambiente è molto complesso, gli indicatori forniscono un modo più pratico ed economico per monitorare lo stato dell’ambiente. Le concentrazioni di sostanze che riducono lo strato di ozono nell’atmosfera, tracciate nel tempo, sono un buon indicatore rispetto al problema ambientale della riduzione dell’ozono stratosferico. Gli indicatori ambientali sono stati definiti in modi diversi ma esistono temi comuni. Un indicatore ambientale è un valore numerico che aiuta a fornire informazioni sullo stato dell’ambiente o sulla salute umana.

Gli indicatori sono sviluppati sulla base di misurazioni quantitative o statistiche delle condizioni ambientali monitorate nel tempo. Gli indicatori ambientali possono essere sviluppati e utilizzati in un’ampia varietà di scale geografiche, dal livello locale a quello regionale. Un sottoinsieme di indicatori ambientali è la raccolta di indicatori ecologici che possono includere misure fisiche, biologiche e chimiche come la temperatura atmosferica, la concentrazione di ozono nella stratosfera o il numero di coppie di uccelli riproduttori in un’area.

Questi sono anche indicati come indicatori di stato poiché si concentrano sullo stato dell’ambiente o sulle condizioni dell’ambiente. Un secondo sottoinsieme è la raccolta di indicatori che misurano le attività umane o le pressioni antropiche(2), come ad esempio, le emissioni di gas serra. Questi sono anche indicati come indicatori di “pressione”. Infine, ci sono indicatori come il numero di persone assistite dal trattamento delle acque reflue, che tracciano le risposte della società alle questioni ambientali.

Gli indicatori ambientali, a loro volta, dovrebbero essere considerati come un sottoinsieme di indicatori di sviluppo sostenibile intesi a tracciare la sostenibilità complessiva di una società in relazione all’integrità, alla salute e all’integrità ambientale, sociale ed economica. Gli indicatori ambientali sono utilizzati da governi, organizzazioni non governative, gruppi comunitari e istituti di ricerca per verificare se gli obiettivi ambientali vengono rispettati, per comunicare lo stato dell’ambiente al pubblico generale e ai responsabili delle decisioni e come strumento diagnostico attraverso l’individuazione delle tendenze nell’ambiente.

Gli indicatori ambientali possono essere misurati e riportati a diverse scale. Ad esempio, una città può tracciare la qualità dell’aria insieme alla qualità dell’acqua e contare il numero di rare specie di uccelli per stimare la salute dell’ambiente nella propria area. Gli indicatori sono sviluppati per ecosistemi specifici, come i Grandi Laghi in Nord America. I governi nazionali utilizzano gli indicatori ambientali per mostrare lo stato e le tendenze rispetto alle questioni ambientali importanti per i loro cittadini.

I tipi di indicatori selezionati o sviluppati dovrebbero essere parzialmente basati su chi utilizzerà le informazioni dagli indicatori. Generalmente ci sono tre possibili segmenti di pubblico da considerare, ciascuno con esigenze di informazioni diverse. Gli esperti tecnici e gli scienziati saranno interessati a indicatori dettagliati e complessi. Questi indicatori dovrebbero avere validità scientifica, sensibilità, reattività e disporre di dati disponibili sulle condizioni passate. Il pubblico che include i responsabili delle politiche e i gestori delle risorse sarà interessato all’uso di indicatori direttamente correlati alla valutazione delle politiche e degli obiettivi.

Valutazione impatto ambientale
Vota

Condividi

Correlati

Note   [ + ]

1.Zonizzazione: Strumento utilizzato in urbanistica consistente nel suddividere il territorio di ciascun comune in aree omogenee secondo determinate caratteristiche.
2.Antropizzazione: In geografia ed ecologia è l’insieme degli interventi di trasformazione dell’ambiente naturale da parte del genere umano.
Nuclear News

Nuclear News

Autore di Nuclear News. Appassionato di Internet e di divulgazione delle informazioni in rete, soprattutto quelle che riguardano l'ambiente in genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lasciandoci un commento accetti la nostra Privacy Policy.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!